IL RUOLO CRUCIALE DELLA RESPIRAZIONE NELL’ALLENAMENTO MUSCOLARE

Una corretta respirazione è alla base del nostro benessere fisico ed è parimenti essenziale per la muscolatura. Mentre molte persone si concentrano su diete e routine di esercizio specifiche, spesso trascurano un aspetto fondamentale: la respirazione. In questo articolo capiremo come la respirazione possa influenzare positivamente la tua performance nell’allenamento e i tuoi risultati complessivi.

Per la maggior parte del tempo non ci rendiamo conto del modo in cui respiriamo ma, potrà sembrare strano, a volte non lo facciamo nel modo corretto. Quando compiamo uno sforzo fisico può succedere che la respirazione avvenga in modo forzato, ovvero inspirando profondamente e trattenendo il fiato. Respirare in modo corretto durante l’allenamento può essere più complicato soprattutto per i principianti, perché troppo concentrati sull’eseguire in maniera corretta un esercizio per  fare attenzione alla respirazione.

INDICE DEI CONTENUTI

TECNICHE DI RESPIRAZIONE PER BODYBUILDING

Per comprendere come impostare la giusta respirazione è importante capire come si configura un allenamento di bodybuilding. Un allenamento con sovraccarico si divide in due fasi: la fase di carico, dove lo sforzo è maggiore e una fase di scarico, dove si recupera. La giusta respirazione prevedere l’espirazione nella fase di carico e l’inspirazione nella fase di scarico. È molto importante non trattenere il fiato durante la fase di carico perché può portare a un aumento della pressione sul cuore e a un minor apporto di ossigeno ai tessuti. Tuttavia, per alcuni esercizi come stacchi e squat con bilanciere, l’apnea può essere consigliata perché aiuta a contrarre gli addominali e coordinare meglio i movimenti.

TECNICHE DI RESPIRAZIONE PER PILATES

Nel pilates la respirazione è spesso definita profonda, opposta, ad esempio, a quella che viene effettuata durante una corsa o durante l’allenamento con i pesi che invece è più “spezzata”. Nel pilates la respirazione deve coinvolgere il tronco in maniera tridimensionale, per comprendere meglio il movimento è utile appoggiare le mani ai lati della gabbia toracica. L’obiettivo è quello di portare un’ossigenazione profonda in tutto il corpo senza gonfiare la pancia. Posizionando il respiro nella cassa toracica e espandendola non solo frontalmente, ma anche lateralmente e posteriormente, si può mantenere attiva la muscolatura addominale profonda, supportando così la postura della colonna vertebrale e garantendo un rilassamento delle spalle e del collo.

LA CORRETTA RESPIRAZIONE DURANTE LO STRETCHING

Per ottenere il massimo beneficio dallo stretching è essenziale ricordare di respirare lentamente e profondamente durante ogni esercizio. Le ricerche più recenti enfatizzano l’importanza di coordinare la respirazione con i movimenti, inspirando durante la fase di allungamento e espirando mentre il muscolo si distende. In questo modo, non solo si favorisce il rilassamento del corpo, ma anche un maggiore flusso sanguigno, facilitando l’eliminazione di sostanze come l’acido lattico, responsabile della sensazione di affaticamento. Integrare consapevolmente la respirazione negli esercizi di stretching può fare la differenza nel raggiungere una maggiore flessibilità e un benessere muscolare duraturo.